21 Ottobre 2020

A pochi passi dal centro di Milano sorge la prima Fabbrica dell’Aria, un’installazione rivoluzionaria che aumenta in maniera esponenziale la capacità naturale delle piante di rimuovere gli inquinanti negli spazi abitativi, commerciali e di lavoro.

L’idea è stata messa a punto da Stefano Mancuso e PNAT, società multidisciplinare di ricercatori, biologi, designer, ingegneri e architetti, che insieme hanno creato un progetto rivoluzionario e innovativo, di cui esistono pochissimi esemplari al mondo, e la cui prima realizzazione milanese si trova nella sede di Green Media Lab Srl SB, società che si occupa di supportare le aziende nella progettazione ed esecuzione di strategie di comunicazione e consulenza.

Lo scorso 21 ottobre, Stefano Mancuso e Giovanni Storti hanno presentano la Fabbrica dell’Aria a L’Assedio”, la trasmissione di Daria Bignardi.

Mancuso, botanico di fama mondiale e direttore del Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale, ha raccontato al pubblico il progetto e la vera e propria realizzazione.

A fare da spalla al celebre scienziato c’era l’amico Giovanni Storti, in collegamento proprio dalla Fabbrica dell’Aria all’interno di Green Media Lab Srl SB.

Giovanni crede fortemente nella mission e vision dell’azienda, di cui è socio dal 2020, e condivide con Mancuso l’interesse e la passione per il mondo delle piante e per l’effetto positivo che hanno sulle persone e sull’ambiente, tanto da auto-definirsi con ironia un “contadino responsabile”.

La Fabbrica dell’Aria

L’installazione utilizza e migliora la capacità delle piante di assorbire e degradare gli inquinanti atmosferici, operando una vera e propria filtrazione botanica dell’aria. Questo tipo di filtrazione ha peculiarità proprie (gli inquinanti sono scissi dalle attività biologiche e incorporati nella biomassa delle piante) e risultati straordinari: basti pensare che è possibile dimostrare una riduzione degli inquinanti atmosferici del 98%.

Dal 2012, anno in cui siamo nati, comunichiamo la sostenibilità, gli sport outdoor, parliamo di stili di vita migliori e di cambiamento. Il nostro lavoro è supportare i nostri partner nel cogliere le opportunità che arrivano dal “sapere cambiare”, commenta Daniele Denegri, fondatore e ceo di Green Media Lab Srl SB. Continua: “Abbiamo progettato l’azienda nel 2011, proprio durante la crisi economica. Oggi nel pieno di una più grande crisi planetaria stiamo facendo investimenti in Italia e all’estero per promuovere un necessario cambiamento. Il progetto del botanico Stefano Mancuso è stato realizzato grazie al nostro nuovo socio Giovanni Storti, che oltre a essere un appassionato di sport è un grande attivista della sostenibilità. Si definisce un contadino responsabile e lavorando con lui ho capito che è anche un grande manager”.