In questo articolo si parla di:

L’International Ocean Film Tour non è solo un festival cinematografico sul mare: è anche, e soprattutto, un punto di vista di primigenia bellezza degli oceani e un richiamo alla loro salvaguardia. Il tour, giusto alla sua 4a edizione e lanciato il 20 marzo, arriverà a toccare Germania (paese nel quale sono previste la maggioranza di tappe), Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svizzera, Austria e USA, concludendosi il 28 giugno proprio in America. In Italia in particolare sono previste tre tappe: sabato 8 aprile a Trieste, domenica 9 a Torino e lunedì 10 a Genova.

Il mare è il teatro delle avventure più straordinarie e il forziere più grande in natura: con una varietà di forme di vita incredibili regala uno stupore immenso e il desiderio di proteggere le risorse naturali del pianeta. Ecco le sette “storie” che vengono dal mare protagoniste delle serate del tour (con il link al trailer del festival).

THE WEEKEND SAILOR
17 Yatch, sette nazioni, 27.000 miglia marine: la prima regata attorno al pianeta, la Whitbread Round the World Yatch Race, ha avuto luogo nel 1973. Insieme ai migliori team di velisti al mondo partecipò anche il 57enne messicano Ramón Carlín. The Weekend Sailor racconta la meravigliosa storia di un uomo sottovalutato dal mondo della vela che finì sorprendentemente vincitore della regata.

THE ACCORD
Chi vuole surfare in Islanda deve fare i conti i venti nordatlantici e la forza della natura. The Accord mostra, con aspra bellezza e umorismo nero, come i due protagonisti, il surfista Heiðar Logi Elíasson e l’ambiente che lo circonda, stringano amicizia gradualmente.

SHOREBREAK – DIE CLARK LITTLE STORY
L’hawaiano Clark Little ha trasformato la sua passione per le onde perfette in un lavoro. Tra i flutti cerca i suoi motivi preferiti: shorebreaks – onde gigantesche che si infrangono a riva. Grazie alla sua abilità nello scattare al momento giusto, le sue fotografie ritraggono momenti di una bellezza sconvolgente.

JOHANNA UNDER THE ICE
Dopo un grave incidente in mountain bike, la freerider svedese Johanna Nordblad scopre l’amore per l’acqua gelida e per il silenzio assoluto ritrovato sotto il ghiaccio trasparente. La seguiamo per qualche istante in questa dimensione ostile e nello stesso tempo liberatoria.

THE LEGACY
Con la pesca eccessiva e l’inquinamento dei mari, nel giro di soli cinquant’anni abbiamo distrutto ecosistemi sani e fiorenti, cacciando molte specie dai loro habitat. The Legacy mostra come le specie in via di estinzione si possano rigenerare se il loro ecosistema viene dichiarato zona protetta.

A PLASTIC OCEAN
È ormai risaputo che i rifiuti di plastica devastino l’ecosistema degli oceani. Non si tratta solo dell’inquinamento visibile sulle nostre spiagge, ma anche del rischio, più celato, che particelle di plastica entrino nel vortice di immondizia nei nostri mari e da lì, inevitabilmente, nella catena alimentare. Il regista ed esploratore Craig Leeson ha seguito le tracce della plastica, svelando il rapporto tra il nostro modo di consumare e l’inquinamento degli oceani.

CHAPTER ONE
Esercitato inizialmente come un altro boardsport dal campione di windsurf Robby Naish e dalla leggenda delle grandi onde Pete Cabrinha, il kiteboarding ha poi visto fiorire svariati talenti. In Chapter One li seguiamo nei migliori luoghi del pianeta.

www.oceanfilmtour.com