In questo articolo si parla di:
8 Febbraio 2018

L’European Outdoor Group ha confermato oggi, 8 febbraio, che Messe München sarà il nuovo partner a lungo termine della fiera. La decisione è stata presa dai membri di EOG attraverso un processo di voto dal 1 al 7 febbraio che ha seguito la presentazione delle candidature dei diversi poli fieristici all’assemblea annuale. Nel primo round di votazioni tra le tre candidature la fiera di Monaco si è assicurata ben più del 50% di tutti i voti ed è diventata quindi, senza la necessità di ulteriori ballottaggi, il nuovo partner ufficiale di EOG per l’ OutDoor Show dal 2019.

EOG aveva annunciato ufficialmente una revisione dell’evento a inizio 2017, sotto il nome di Vision 2020, come risultato della sua determinazione di assicurare che OutDoor Show rimanga una piattaforma di business essenziale e viva, in linea con i cambiamenti che attraversano il settore. Esprimendo così la volontà che un’industria in crescita come quella outdoor abbia una piattaforma adeguata, essenziale per supportare questo trend positivo negli anni futuri.

Vision 2020 è stata inizialmente guidata da un gruppo di lavoro indipendente, che ha lavorato insieme ai membri di EOG, altri stakeholder e tutti i rappresentanti del settore in Europa e nel mondo. La candidatura era stata inizialmente effettuata da cinque poli fieristici (tra i quali anche Milano), la rosa era stata poi ridotta a tre: Messe Friedrichshafen (che ha storicamente ospitato l’evento), Messe Hamburg e Messe München.

Vittoria netta

All’assemblea annuale del gruppo, svoltasi poco prima di Ispo, ogni location candidata ha presentato le sue proposte ai membri. Il processo di voto è stato gestito da un fornitore indipendente di servizi elettorali e ogni membro ha potuto esprimere un voto. Le votazioni si sono concluse venerdì 7 febbraio con una percentuale di votanti del 94%, Monaco ha ricevuto il 65% di voti, diventando così il nuovo partner di OutDoor Show.

John Jansen, presidente di EOG ha commentato:

“Vision 2020 è stato un processo forte, inclusivo e trasparente. Abbiamo comunicato apertamente e frequentemente con un gran numero di persone e organizzazioni e ha portato alla presentazioni di tre forti e valide candidature. La decisione finale è stata presa attraverso un processo realmente democratico e la forza dei voti per la fiera di Monaco è un chiaro segno della unità e determinazione dei membri del gruppo. Non vediamo l’ora di costruire un nuovo show insieme a Messe München dal prossimo anno in avanti”.

“Siamo profondamente grati a tutti i candidati. Ci piacerebbe anche dedicare una menzione speciale a Messe Friedrichshafen, che ha lavorato duramente con noi nel corso degli ultimi anni. Quest’anno è il 25° anniversario della nostra collaborazione e nonostante una punta di tristezza, non vediamo l’ora di celebrare degnamente questo traguardo con loro.”

La reazione di Friedrichshafen

Poco meno di un’ora dopo l’annuncio ufficiale, ecco la clamorosa sorpresa: Messe Friedrichshafen non ci sta e lancia un suo comunicato, dove comunica che.. “However, the show must go on”! Dichiarando: “In piena indipendenza e con il supporto di numerosi tra i maggiori player del settore gli organizzatori della fiera realizzeranno una nuova versione dell’evento di settore a Friedrichshafen dal 2019.”

 Il ceo di Messe Friedrichshafen Klaus Wellmann ha rivendicato che il fatto che OutDoor è nata storicamente sul Lago di Costanza e che la sua fiera scritto un capitolo di successo della storia di questo settore. Riguardo al futuro ha dichiarato “il nostro polo ha avuto supporto da molti membri di EOG, e altri player del settore. Siamo quindi pronti e fiduciosi nel continuare a organizzare una nuova fiera outdoor anche dal prossimo anno”.

Il responsabile delle fiere OutDoor/ Eurobike di Friedrchshafen, Stefan Reisinger ha aggiunto

“Prima del voto avevamo già ricevuto un feedback positivo per la nostra visione della fiera del futuro da molti membri EOG e degli 869 espositori di quest’anno che (sottolinea con una evidente punta di polemica,ndr) non hanno partecipato alla decisione di EOG. C’è scetticismo sul fatto che questo successo possa essere semplicemente esportato in qualche altro posto. Continueremo ad offrire al settore una casa unica e autentica qui sul lago di Costanza.”