In questo articolo si parla di:

A soli 5 mesi dal riconoscimento del CONI, che ha attribuito alla FISW la facoltà di disciplinare e regolamentare la disciplina sportiva del surfing con le sue specialità, la federazione ha fatto ufficialmente il suo ingresso nell’International Surfing Association e nell’European Surfing Federation.

“Strutturare e lavorare rapidamente per ottenere dei risultati che diano certezza nella programmazione nel medio termine non è mai facile, ma grazie al grande team che abbiamo composto siamo riusciti a ottenere una valida credibilità dimostrando professionalità e una mission definita”, ha commentato il direttore sportivo della FISW Surfing Mirco Babini. “Abbiamo idee e visioni che porteremo avanti per dare all’Italia del surf in generale quel valore aggiunto di cui necessitava da tempo”.

“Siamo la Federazione che rappresenta il surfing in Italia, abbiamo ricevuto un mandato importane dal CONI e ora siamo ufficialmente membri dell’ISA, la Federazione Mondiale del Surfing, e di Eurosurfing, quella Europea”, ha aggiunto il presidente federale Luciano Serafica. “Ora andiamo avanti nella nostra missione e lavoriamo per strutturare bene lo sport del surf in ogni sua forma e soprattutto per crescere a livello agonistico con l’intento di rappresentare l’Italia alle Olimpiadi di Tokyo 2020 con un team forte e competitivo. Stiamo organizzando 3 importanti spedizioni delle nostre nazionali: gli ISA World SUP and Paddleboard Championship in Danimarca a inizio settembre, gli ISA World Junior Surfing Championship in Giappone a fine settembre e, per terminare in bellezza questa annata, gli EuroSurf 2017 in Norvegia a ottobre”.