In questo articolo si parla di:
22 Maggio 2020

Wakeparadise Milano, a partire dallo scorso 9 maggio, ha ripreso le sue attività aprendo le porte a soci e appassionati. La surf pool più grande d’Europa e gli impianti per praticare wakeboard dunque ripartono in piena sicurezza dopo un periodo di interruzione a causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus.

Per rendere possibile questa seconda fase è stato necessario inserire una serie di accorgimenti necessari per garantire la protezione dei propri associati. Wakeparadise ha infatti stabilito regole precise per riaprire l’attività e ha definito fasce orarie in cui la clientela può praticare sport all’interno del park, che sarà aperto tutti i giorni dalle 12:30 alle 20:30, salvo maltempo: gli associati potranno prenotare, tassativamente online, il proprio slot all’interno di quattro fasce orarie della durata di due ore.

Allo scopo di diminuire ulteriormente i contatti, il servizio bar rimane momentaneamente sospeso, così come le docce, gli spogliatoi e gli armadietti, che sono attualmente inaccessibili. Anche il noleggio di mute è al momento sospeso.

A garanzia di tutela della salute, Wakeparadise provvede regolarmente alla pulizia e alla sanificazione degli ambienti di cui dispone e chiede ai suoi frequentatori di mantenere i dispositivi di sicurezza come mascherine e guanti e rispettare le distanze necessarie: almeno 1,5 metri negli spazi comuni e 2 metri sul pontile di cui la struttura è dotata.

“L’emergenza sanitaria che ha colpito il nostro Paese ci ha costretti alla chiusura, come tante altre strutture abbiamo affrontato un momento non facile, ma siamo ripartiti con forte grinta, tutelando nel migliore dei modi i dipendenti e i clienti” afferma Ludovico Vanoli, presidente di Wakeparadise. “Vogliamo rimanere il punto di riferimento per i professionisti che proseguono con i loro allenamenti ma anche per coloro che desiderano trascorrere una piacevole giornata nel nostro park, all’insegna del divertimento, seppur vivendo una situazione per tutti nuova e inaspettata”, conclude Vanoli